Dichiarazione imposta di soggiorno entro il 30 giugno. Criticità dati struttura

Entro il prossimo 30 giugno dovrà essere inviata la dichiarazione dell’imposta di soggiorno 2024, anno di imposta 2023, sulla base del modello di dichiarazione e delle istruzioni di compilazione approvati con il decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze 29 aprile 2022 . 

Particolare attenzione va prestata nell’indicazione dei dati relativi alla struttura ricettiva.

La trasmissione della dichiarazione può essere effettuata tramite i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate (Entratel o fisconline) o tramite l’apposita funzionalità sul sito del MEF, sulla base delle specifiche. 

L’omessa o infedele presentazione della dichiarazione è punita con la sanzione amministrativa pecuniaria che va dal 100 al 200 per cento dell’importo dovuto a titolo di imposta di soggiorno.

Per l’omesso, ritardato o parziale versamento dell’imposta di soggiorno e del contributo di soggiorno si applica la sanzione amministrativa del 30% dell’imposta dovuta (art. 13 del D.Lgs. 18 dicembre 1997, n. 471). Le modalità ed i termini di versamento sono disciplinati dal regolamento comunale.

https://www.finanze.gov.it/it/inevidenza/D.M.-29-aprile-2022-concernente-lapprovazione-del-modello-di-dichiarazione-dellimposta-di-soggiorno

Carrello